THE KNIGHTS

Forum di Esoterismo,Religioni,Civiltà Antiche,Psicologia,Parapsicologia,Cultura sui Cavalieri della Tavola Rotonda
 
IndiceCalendarioFAQCercaRegistratiLista UtentiGruppiAccedi

Condividi | 
 

 LA RELIGIONE DELLE ORIGINI

Andare in basso 
AutoreMessaggio
TESEO
Admin
avatar

Numero di messaggi : 577
Data d'iscrizione : 10.08.07

MessaggioTitolo: LA RELIGIONE DELLE ORIGINI   Ven Ago 15, 2008 1:25 am

LA RELIGIONE DELLE ORIGINI

di Enrico Galimberti

PREMESSA: Mi sento di dare la giusta chiave di lettura a questo mio articolo, onde evitare fraintendimenti. Dopo l'11 settembre 2001 è necessario. Nell'articolo parlo di fede e religioni. Ovviamente mi riferisco alla PURA FEDE, e quindi NON alla MORALE o all'ETICA che portano ad azione spesso davvero in contrasto paradossale con la fede stessa. La pura fede è, per me, il rapportarsi dell'uomo a un Principio superiore.

Joseph Campbell, uno dei massimi esperti mondiali di mitologia purtroppo scomparso, ritiene che sia la mente umana la "zona mitogenetica ultima, la creatrice e la distruttrice, la schiava e la padrona, di tutti gli dèi", ed io concordo. Ma questo non sta a significare che Dio non esiste, anzi, il contrario. Per fede io credo in Dio, un dio che persino Papa Giovanni Paolo II ha liberato dalle ridicole sembianze umane che gli erano state assegnate dall'arte e dalla letteratura, quelle sembianze di un Vegliardo dalla lunga barba bianca più creato a immagine e somiglianza dell'uomo che viceversa.

Il Papa, che conosce davvero il Vangelo e la sua vera storia, taciuta ai più, e ne ha compreso tutti i significati più o meno profondi e allegorici, nel suo operare, sta facendo in modo di riportare la religione Cristiana alle origini, riprendendo alla lettera gli insegnamenti di Cristo e tralasciando le regole di puro pragmatismo che la Chiesa ha superbamente istituito nei duemila anni della sua travagliata storia. Ma Giovanni Paolo II sta facendo molto di più che riunire semplicemente le varie confessioni evangeliche. La sua missione sembra essere quella di riunire tutto il genere umano, a prescindere dalle religioni più o meno affini, in nome di un Dio davvero universale che possiamo trovare anche dentro di noi, negli anfratti della psiche e dell'anima.

Ma perché?

Nell'anno duemila, quando fu svelata l'ultima profezia di Fatima, egli disse:

"Dobbiamo essere pronti a fronteggiare grandi prove vicine…"

E' mio parere che nelle parole del Papa non vi sia un annuncio di catastrofi apocalittiche. Il Vaticano stesso ha precisato che si tratta di prove nella fede. Ma comunque "grandi" prove di fede.

La Religione delle Origini è quel nucleo di elementi spirituali e metafisici che accompagnano l'uomo fin dalle sue lontane origini, che lo proiettano, se lasciato libero anche solo per un istante dai condizionamenti esterni, in una dimensione profonda dell'essere, in cui si affaccia prepotente il fluire incessante dell'infinito; elementi che fanno crescere in lui il desiderio di ritrovare l'unità perduta. E' come se si rendesse conto di essere parte di un tutto, ma di esserne stato strappato via e di non sapere come tornare a "casa". Ma quando l'uomo ha iniziato a sentirsi orbato del suo più autentico significato? Quando, "per decisione divina", fu allontanato, diseredato, cacciato dall'Eden.

La Religione delle Origini, quindi, non è una vera e propria religione, ma è la causa prima di ogni religione, l'essenza stessa di ogni spiritualità, che nasce nel momento in cui l'uomo viene creato e diventa pertanto "altro" dal Creatore.

Tutti i grandi profeti della storia conosciuta, da Gesù al Buddha, dai cosiddetti "Santoni" agli Sciamani, sapevano che l'anima e il corpo sono una cosa sola, e l'uomo e Dio infinito sono un tutt'uno, poiché "membra dello stesso corpo" o “gocce dello stesso mare”.

Così, mi sembra che il Papa voglia superare quelle divisioni religiose che sono oggi come nei secoli addietro uno dei principali motivi di disordini, guerre e sopraffazioni. Non si tratta assolutamente di rivoluzione. In effetti, come faceva notare già Campbell, ogni religione poggia su di "una comune base di motivi mitologici, variamente selezionati, organizzati, interpretati e ritualizzati, secondo le necessità locali, ma venerati da ogni popolo della terra". Avrete compreso che questa base comune altro non è che la mia Religione delle Origini. Ed allora capite quanto sia errato essere convinti che una religione sia migliore delle altre, preferita a Dio più di ogni altra, unica via alla salvezza. Ogni religione è una via diversa ma altrettanto valevole per coltivare la medesima spiritualità.

San Paolo, nella lettera ai Romani lancia un monito a riguardo e dice: "Tu però non pensare di essere superiore ai rami tagliati. Non ti puoi vantare in alcun modo perché non sei tu che porti la radice, ma la radice porta te." (ROMANI 11, 18). Nessuno me ne voglia se nella radice vedo il Dio della religione primordiale e non un dio qualsiasi proprio di una particolare religione.

Nessuno creda che io sia in alcun modo eretico. Lo stesso San Paolo, nelle lettere ai Romani dice: "Non vi è perciò differenza fra chi è Ebreo e ci non lo è, perché il Signore è lo stesso per tutti, immensamente generoso verso tutti quelli che lo invocano. Afferma infatti la Bibbia: chiunque invocherà il nome del Signore sarà salvato." (ROMANI 10, 12-13)

Dio è lo stesso per tutti, sia che lo si chiami Jhavè, Geova, Allah, Atum,Ra…

Tutti i popoli della Terra pregano da sempre lo stesso, unico e solo Dio, sebbene la storia, asservita alle strategie egemonizzanti dei potenti che si servivano delle religioni per giustificare la propria autorità e addomesticare i popoli, abbia disperso la religione delle origini in sentieri che sono spesso in contrasto fra di loro, ma che è possibile percorrere a ritroso.

Credo che sia da superare, volendo andare alla base della colonna spirituale, anche la tradizionale distinzione tra monoteismo e politeismo. Mi è da esempio la religione dell'Antico Egitto. Che sia politeismo non vi sono dubbi, ma alla base di tutti gli dèi vi è un Essere Supremo, lo Spirito Creatore, che ha deciso e creato ogni dio del pantheon egiziano. Alla base delle religioni orientali, sia mono che politeiste, vi è uno Spirito Universale. Nel pantheon greco gli dèi dell'Olimpo, molto umani e a volte simpatici con il loro umore così capriccioso, poco avevano a che competere con il Fato, il Destino, che nessuno, neppure Zeus poteva comandare.

Insomma, anche il politeismo, in fin dei conti venera un unico vero Dio universale. E' curioso ricordare come un indiano un giorno insistette sul fatto che secondo lui anch'io, cristiano, ero in realtà politeista, secondo il nostro modo di giudicare, poiché così come i suoi dèi hanno un compito preciso nel progetto divino, così è per i nostri angeli, arcangeli…
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Berta



Numero di messaggi : 25
Data d'iscrizione : 19.08.07

MessaggioTitolo: Re: LA RELIGIONE DELLE ORIGINI   Dom Set 28, 2008 2:15 pm

La penso come te.
L'idea di Dio la si trova anche nella Dea Madre, rappresentata da statuine giunte a noi, fatte da antiche civiltà.
Che sia dea madre o Dio, poco importa, dato che, Dio non è un uomo mortale.
A mio parere, fin dagli arbori, si ha una certezza di Dio, che ha sempre accompagnato la storia dell'uomo.
E' poi stato l'uomo a "dargli un sesso" a seconda che vi fosse una società matriarcale o patriarcale.
Smile
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Sephira
Admin
avatar

Numero di messaggi : 138
Data d'iscrizione : 25.05.08

MessaggioTitolo: Re: LA RELIGIONE DELLE ORIGINI   Mar Set 30, 2008 8:09 pm

Ovvio che l'ideale maschile. è solo un idea prettamente sessita, ogni cosa in natura ha bisogno del proprio opposto per portare avanti la sopravvivenza della specie, addirittura alcuni anfibi, in assenza dell'elemento maschile cambiano il loro sesso da maschile a femminile.

Questo perchè la catena non si può spezzare.
L'idea che ci sia un Dio maschio, non mi turberebbe visto che ha il compito Paterno, ma nel momento che si cerca di dissociare la matrice XX XY, dal pensiero divino mi sembra assai fuori luogo.
La storia come diceva anche Berta, porta a galla una verità, che si è andata volutamente ad occultare ed insabbiare, la femminilità divina.
Che sia Rea, Giunone, Artemide, Diana, per l'antichità, o la Dea Madre, per le wiccan, sta di fatto che si delinea sempre più giustamente il principio stabilito ed immutabile delle origini: L'ambivalenza del mascolino e del femminino.
Virilità e verginità, un discorso che è stato ampliato ed esagerato per gli uomini, l'uomo possente in corpo ed in spirito dalla cui immagine traspare la forza della mente e dello spirito, dal lato opposto la donna casta, debole e pia, per la serie se non sono illibate noi non le accettiamo.
Verginità invece, a differenza di ciò che si è tramandato dal perbenismo, ha la stessa radice e significato di virilità, è la forza femminile che si esprime e si manifesta attraverso la rigogliosità.
Nella creazione non esiste il pensiero sessista, nella concezione del divino nemmeno, esiste in Dio la dualità che lo rende perfetto, ed è per questo che noi siamo divisi in maschile e femminile,in origine secondo una leggenda, l'uomo e la donna erano in origine un solo essere, esso era perfetto, nel senso di felice e realizzato, perchè le sue metà opposte combaciavano e si attraevano...questa è l'anima gemella, per questo in natura il maschile ha necessità del femminile e viceversa...senza dimenticare che Dio creò uomo e donna paritariamente Adamo e Lilith in origine, per il semplice motivo che in Dio stesso esiste la matrice XX e XY.
Sephira
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
TESEO
Admin
avatar

Numero di messaggi : 577
Data d'iscrizione : 10.08.07

MessaggioTitolo: Re: LA RELIGIONE DELLE ORIGINI   Mar Set 30, 2008 10:48 pm

E come giustamente dice Berta:

"E poi stato l'uomo a "dargli un sesso" a seconda che vi fosse una società matriarcale o patriarcale".
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
TESEO
Admin
avatar

Numero di messaggi : 577
Data d'iscrizione : 10.08.07

MessaggioTitolo: Re: LA RELIGIONE DELLE ORIGINI   Mar Set 30, 2008 10:51 pm

E sottolineo quello che dice Sephira:

"Esiste in Dio la dualità che lo rende perfetto, ed è per questo che noi siamo divisi in maschile e femminile,in origine secondo una leggenda, l'uomo e la donna erano un solo essere, esso era perfetto, nel senso di felice e realizzato, perchè le sue metà opposte combaciavano e si attraevano..."
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
TESEO
Admin
avatar

Numero di messaggi : 577
Data d'iscrizione : 10.08.07

MessaggioTitolo: Re: LA RELIGIONE DELLE ORIGINI   Mar Set 30, 2008 10:54 pm

Arrow Berta,grazie per essere qui.
Gli altri amici di Marcopolo? Sei in contatto con alcuni di loro?
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Sidra
Admin
avatar

Numero di messaggi : 36
Data d'iscrizione : 25.05.08

MessaggioTitolo: Re: LA RELIGIONE DELLE ORIGINI   Mer Ott 01, 2008 1:19 am

Il pensiero di un unico Dio io lo vedo come un oceano immenso e noi viviamo su questo oceano come su delle immense navi da crociera, ad ogni piano ci sono delle stanze e queste stanze le viviamo come se fossero una parte nella nostra vita, se rompiamo usiamo tocchiamo qualcosa ne impariamola forma e l’uso, usciamo nel corridoio della vita e entriamo in un altra stanza, a in quella stanza troviamo ciò che abbiamo rotto e ciò che abbiamo imparato, se mettiamo apposto ciò che e rotto abbiamo imparato a fare in modo di saldare qualcosa nella nostra vita, più si va avanti più si sale di livello nella nostra nave.

Fino a raggiungere il ponte, dove ci mostra il mare, che e bellissimo se visto dal ponte di una nave al tramonto. E una brezza ti porta a sentirlo dolcemente sul viso, ed e piacevole.

Ecco come vedo il Dio che per me e tutto, e in una goccia del mare come tutti gl’oceani della terra.
E nelle più piccole cose come nelle più immense.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Berta



Numero di messaggi : 25
Data d'iscrizione : 19.08.07

MessaggioTitolo: Re: LA RELIGIONE DELLE ORIGINI   Mer Ott 01, 2008 10:37 pm

Del forum Marco Polo ero ancora in contatto con Artorius, ha aperto un blog http://osvaldo-tiber.blogspot.com/ ma è un po' che non ci scriviamo.
Personalmente avevo trascurato internet per miei impegni, ora riprendo a frequentare forum e siti abituali.
Ho letto alcuni argomenti su questo forum ed ho risposto, continuerò a leggere ed a dare mie opinioni.
Una curiosità...
Avevate poi finito il libro sul graal?
Saluti
Berta:)
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Sephira
Admin
avatar

Numero di messaggi : 138
Data d'iscrizione : 25.05.08

MessaggioTitolo: Re: LA RELIGIONE DELLE ORIGINI   Mer Ott 01, 2008 10:47 pm

Grazie in anticipo per tuo contributo Berta, sei liberissima di aprire anche discussioni tue dove riportare il tuo pensiero, ci contiamo.

Per il resto ti risponderà Teseo^^
Ancora grazie per la tua partecipazione
Sephira
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Berta



Numero di messaggi : 25
Data d'iscrizione : 19.08.07

MessaggioTitolo: Re: LA RELIGIONE DELLE ORIGINI   Mer Ott 01, 2008 11:25 pm

Grazie a te per l'accoglienza.
Smile
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
TESEO
Admin
avatar

Numero di messaggi : 577
Data d'iscrizione : 10.08.07

MessaggioTitolo: Re: LA RELIGIONE DELLE ORIGINI   Gio Ott 02, 2008 1:36 am

Berta ha scritto:
Del forum Marco Polo ero ancora in contatto con Artorius, ha aperto un blog http://osvaldo-tiber.blogspot.com/ ma è un po' che non ci scriviamo.
Personalmente avevo trascurato internet per miei impegni, ora riprendo a frequentare forum e siti abituali.
Ho letto alcuni argomenti su questo forum ed ho risposto, continuerò a leggere ed a dare mie opinioni.
Una curiosità...
Avevate poi finito il libro sul graal?
Saluti
Berta:)

Ciao Berta,
grazie ancora per essere qui.
Si,abbiamo finito il libro da un bel pezzo,ma ci aveva già fregati Il Codice Da Vinci...!
Qualcuno di noi aveva la sensazione di aver scritto la Divina Commedia e non un altro libro sul Graal e sperava che qualche casa editrice famosa fosse disposta ad investire soldi per noi. Io avevo meno aspettative,poi sono incominciate delle incomprensione anche fra noi. Una specie di Torre di Babele. Io dicevo A e le co-autrici mi rispondevano B.
Comunque è stata una bella avventura,quella su Marcopolo.
Conservo il libro in CD nel mio cassetto dei sogni. Io non dimentico mai...un giorno lo farò pubblicare interamente a mie spese.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Berta



Numero di messaggi : 25
Data d'iscrizione : 19.08.07

MessaggioTitolo: Re: LA RELIGIONE DELLE ORIGINI   Gio Ott 02, 2008 10:57 pm

mi spiace che non si sia poi potuto pubblicare.
L'esperienza della Regola e di Marco Polo è stata bellissima, peccato non ci sia più il forum, anche se, forse si stava comunque esaurendo.
Pensiamo al futuro con un bel ricordo sul passato.
Smile
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
TESEO
Admin
avatar

Numero di messaggi : 577
Data d'iscrizione : 10.08.07

MessaggioTitolo: Re: LA RELIGIONE DELLE ORIGINI   Gio Ott 02, 2008 11:10 pm

Very Happy OK!
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: LA RELIGIONE DELLE ORIGINI   

Torna in alto Andare in basso
 
LA RELIGIONE DELLE ORIGINI
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» cerco I.Watt "Le origini del romanzo borghese"bronzini!!
» Liberalizzazione delle professioni
» LABORATORIO DI RELIGIONE
» Il ruolo delle TIC nell'integrazione di alunni disabili
» gonfiore delle piccole labbra

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
THE KNIGHTS :: THE KNIGHTS FORUM :: Eysebia-
Vai verso: