THE KNIGHTS

Forum di Esoterismo,Religioni,Civiltà Antiche,Psicologia,Parapsicologia,Cultura sui Cavalieri della Tavola Rotonda
 
IndiceCalendarioFAQCercaRegistratiLista UtentiGruppiAccedi

Condividi | 
 

 I RETTILIANI

Andare in basso 
Vai alla pagina : 1, 2, 3  Seguente
AutoreMessaggio
TESEO
Admin
avatar

Numero di messaggi : 577
Data d'iscrizione : 10.08.07

MessaggioTitolo: I RETTILIANI   Dom Nov 18, 2007 11:23 pm

Michael Lindemann


Pamela Stonebrooke è una famosa cantante di Los Angeles, California. Ha collaborato con Tammy Wynette, Johnny Cash, Jerry Lee Lewis e altri, e ha vissuto in Giappone ed a New York. La Stonebrooke dice di avere avuto contatti con alcune razze aliene, di cui racconterà in un suo libro di prossima pubblicazione negli USA, "Experiencer: A Jazz Singer’s True Account of Extraterrestrial Contact". Ecco l’intervista che mi ha rilasciato
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
TESEO
Admin
avatar

Numero di messaggi : 577
Data d'iscrizione : 10.08.07

MessaggioTitolo: Re: I RETTILIANI   Dom Nov 18, 2007 11:24 pm

Come e quando hai realizzato di avere quella che David Jacobs definisce una "doppia vita"?

Vorrei premettere che ho avuto a che fare con il paranormale per diverso tempo, prima che tutto questo avesse inizio. Ho comunicato a fare viaggi astrali 13 o 14 anni fa. In quel periodo ebbi la mia prima esperienze di OBE (Out of Body Experience = viaggi fuori dal corpo). Fu davvero un’esperienza straordinaria, anche se mi spaventai a morte. Ma alla fine divenni un’esperta in fatto di viaggi astrali.
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
TESEO
Admin
avatar

Numero di messaggi : 577
Data d'iscrizione : 10.08.07

MessaggioTitolo: Re: I RETTILIANI   Dom Nov 18, 2007 11:26 pm

Continui a tutt’oggi?

Sì, assolutamente.

Perché il preambolo?

Perché all’epoca della mio primo contatto con gli Alieni ero avvantaggiata dal fatto che conoscevo le esperienze OBE, in quanto penso che l’esperienza aliena abbia avuto luogo sia su un piano fisico-tridimensionale che su un piano astrale. Credo che loro ci sgattaiolino dentro e fuori, e forse anche noi... mentre ciò che mi ha spaventato di più nel primo incontro fu il mio risvegliarmi all’interno di un’astronave, in un ambiente di foggia strana e con le pareti metalliche.

Questo quando accadde?

Circa cinque anni fa.

Ti trovavi nella tua casa quel giorno?

Ero a casa, prima di svegliarmi a bordo dell’astronave. E non accadde in uno stato di sonno o dormiveglia.

Eri andata a letto?

Sì. Non voglio scendere nei dettagli, ma mi svegliai in una strana stanza e vidi i tradizionali esseri Grigi (di cui all’epoca non sapevo nulla) entrare dentro.
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
TESEO
Admin
avatar

Numero di messaggi : 577
Data d'iscrizione : 10.08.07

MessaggioTitolo: Re: I RETTILIANI   Dom Nov 18, 2007 11:27 pm

Davvero non avevi mai letto o sentito parlare dei Grigi?

Non ho mai prestato molta attenzione all’argomento, in verità. Mi interessavano di più le cose metafisiche, canalizzare, aprire i "Chakras", etc. Non avevo mai letto notizie, né ero andata a conferenze sugli UFO. In pratica, la questione non mi coinvolgeva.

D’accordo. Allora, questi esseri entrarono... poi che accadde?

Riempirono la stanza e rimasero in piedi attorno a me. Un essere che io percepii come femminile venne verso di me. Io me ne stavo in un angolo, tremando, in posizione fetale, pensando: "No, no, dove sono? Che cosa succede?" Ero nel panico. L’essere mi si avvicinò e pose la sua mano sulla mia spalla, dicendomi: "Non avere paura. Tutto quello che devi fare è stare qui. Vieni con me". Lei mi portò in un’altra stanza... il ricordo è ancora vivido. Su uno strano tavolo metallico, posizionato a circa 50 centimetri da terra, c’erano quattro piccole bambine, di età compresa fra gli otto e gli undici anni, che si misero a correre verso di me, chiamandomi "Mamma". Io ero letteralmente paralizzata contro il muro... loro cercavano di afferrarmi le braccia ed io volevo sottrarmi, senza riuscirci. Mi atterriva soprattutto l’idea di diventare madre, che avevo sempre rifiutato. Anche se ero sicura di non essere mai stata incinta, col senno del poi ho rimesso a posto i pezzi del mosaico e mi sono ricordata di quattro gravidanze isteriche in passato. All’epoca non seppi spiegarmi la cosa e neanche me ne preoccupai più di tanto, visto che non ero stata con nessuno.
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
TESEO
Admin
avatar

Numero di messaggi : 577
Data d'iscrizione : 10.08.07

MessaggioTitolo: Re: I RETTILIANI   Dom Nov 18, 2007 11:28 pm

Ora, stando a quanto ricordi, anni fa, nella vita reale, hai avuto quattro gravidanze isteriche?

Sì. Ero impegnata al massimo, come al mio solito... cerco sempre di fare più di quello che è umanamente possibile. Andavo avanti nello stile di vita frenetico dei musicisti. Mi era facile giustificare le mie emorragie, o i sintomi inspiegabili, o i malesseri mattutini. Ma c’erano altri motivi. All’epoca lavoravo duro nella scena musicale, così mi creavo delle scuse se non mi andava di preoccuparmi di qualcosa... anche perché comunque non sapevo se le gravidanze fossero vere. Non so ancora bene cosa significhi tutto ciò, non so se lo saprò mai. Ma adesso ci faccio attenzione, provo a dare un senso alle cose che mi sono capitate nel passato e che non so spiegare.

OK, torniamo alla tua esperienza sull’astronave. Hai detto che quell’essere ti ha parlato, ma cosa intendevi esattamente?

Telepaticamente. Era una vera e propria trasmissione del pensiero.
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
TESEO
Admin
avatar

Numero di messaggi : 577
Data d'iscrizione : 10.08.07

MessaggioTitolo: Re: I RETTILIANI   Dom Nov 18, 2007 11:29 pm

Va bene. Le quattro bambine sembravano umane?

Non proprio umane, ma simili agli umani. Sembravano una specie di ibrido. Mi facevano paura, primo perché non riuscivo ad immaginarmi come una madre e secondo perché non potevo vedermi come madre di creature non pienamente umane. In retrospettiva, ho dovuto lottare con il senso di colpa che ho provato per non essere riuscita ad abbracciarle e ad accettarle.

Quando ti sei svegliata la mattina dopo, i ricordi erano chiari?

Sì, tutto vivido. E sapevo bene che non si era trattato di una proiezione astrale! Io ho fatto dei viaggi astrali nei quali esseri metà uomini e metà animali cercavano di dilaniarmi e mi svegliavo al mattino dicendo: "accidenti, meno male che è stata solo una proiezione!" Ora invece vedevo delle bambine che cercavano di afferrarmi le braccia ed ero nel panico più totale. Non aveva senso!
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
TESEO
Admin
avatar

Numero di messaggi : 577
Data d'iscrizione : 10.08.07

MessaggioTitolo: Re: I RETTILIANI   Dom Nov 18, 2007 11:31 pm

C’è niente altro che puoi dire sull’esperienza a bordo dell’astronave?

Diversi piccoli dettagli, sul momento... nulla di davvero importante. La mattina dopo, però, indossavo il mio kimono e istintivamente mi scoprii le braccia. Notai subito i piccoli segni sui miei avambracci, dal gomito al polso ed ebbi piena conferma che qualcosa di fisico e reale era accaduto, quella notte. Così per l’anno e mezzo seguente fui davvero sottosopra. Cercai di parlarne con i miei amici, ma nessuno mi prendeva sul serio, pensavano fossi pazza. La gente che conoscevo smise di telefonarmi, non ero più molto di compagnia ormai, volevo parlare solo di questo argomento...

Forse eri diventata un po’ ossessiva?

Decisamente ossessiva... non stavo molto bene. Sono certa che alcuni dei miei amici di allora sapevano che non mi sarei mai inventata una storia simile e avevano paura che fosse tutto vero. Ecco perché non mi davano ascolto! Comunque la lettura del libro di Kim Carlsberg mi ha aiutato molto, è stato singolare avere certe conferme di ciò che avevo vissuto, anche se forse non sembrava una gran consolazione, in quei momenti. Però mi ha aiutato nei miei processi mentali di rielaborazione. Ancora adesso mi è molto difficile parlare delle procedure mediche cui mi hanno sottoposta. Questo in verità è l’unico argomento di cui non posso parlare senza un certo trauma. È strano. Non ho problemi invece a parlare dei Rettiliani, perché la connessione emotiva che ho provato con loro era molto spirituale. Credetemi o no, rispetto alle procedure mediche, non c’era trauma con i Rettiliani.
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
TESEO
Admin
avatar

Numero di messaggi : 577
Data d'iscrizione : 10.08.07

MessaggioTitolo: Re: I RETTILIANI   Dom Nov 18, 2007 11:33 pm

Il fatto delle procedure mediche mi fa intendere che hai avuto altri incontri con i Grigi. È esatto?

Sì, dopo un po’ ho iniziato a ricordare gli altri incontri, il che mi turbava.

Cioè ricordi di incontri precedenti a quello cosciente?

No, accaddero dopo. Io iniziai a divenire consapevole della loro presenza, così stavo in guardia. Inoltre c’erano frammenti di ricordi che mi terrorizzavano. Molto di quello che mi spaventava riguardava procedure mediche, per via della freddezza e del distacco che vedevo negli esseri... per non parlare dei miei sintomi fisici!
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
TESEO
Admin
avatar

Numero di messaggi : 577
Data d'iscrizione : 10.08.07

MessaggioTitolo: Re: I RETTILIANI   Dom Nov 18, 2007 11:34 pm

Hai detto che c’era una grande differenza tra gli incontri che riguardavano procedure mediche e quelli con i Rettiliani. In una lettera aperta che hai diffuso via Internet, hai affermato che i Rettiliani non sono "Politically Correct" e che molta gente è turbata solo alla loro idea. Ma, all’Art Bell Show invece hai sostenuto di aver gradito i tuoi incontri sessuali con un essere Rettiliano. Puoi essere più esplicita in merito?

Non mi sono spiegata chiaramente durante lo special radiofonico, perché non riuscivo ad esprimere ciò che provavo in termini di connessione mentale con questo essere. Come donna, credo che questo sia qualcosa di essenziale all’intimità tra due persone. Intendo dire che l’unione che avevamo e anche il sesso, sono stati i migliori che io abbia mai provato! Ma non tanto per il lato fisico, quanto per l’interezza del rapporto, un’estasi mentale, spirituale, emotiva e fisica. È stata la combinazione di questi elementi che ha reso l’esperienza unica.
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
TESEO
Admin
avatar

Numero di messaggi : 577
Data d'iscrizione : 10.08.07

MessaggioTitolo: Re: I RETTILIANI   Dom Nov 18, 2007 11:35 pm

Quando hai avuto il primo incontro con l’essere che chiami Rettiliano? Come avvenne?

Un giorno ho pensato: e va bene, voglio saperne di più. Nelle mie meditazioni, dicevo: che succede? Portatemi avanti. Lasciate che io sappia cosa sta accadendo. Voglio vedere il vero aspetto di me stessa. Partendo da questo studio a livello di apertura interiore, dopo un anno e mezzo il Rettiliano si è mostrato. Ormai ero pronta all’incontro. La prima volta aveva le fattezze di un uomo affascinante, biondo, e poi si è trasformato.

Quando ti sei svegliata, dove hai visto questo uomo biondo?

Mi sono svegliata nel mio letto e lui stava facendo l’amore con me. Ero assolutamente certa di essere sveglia, non era un sogno. Inoltre mi sono controllata, visto che faccio spesso sogni realistici. Mi sono detta: io non conosco quest’uomo, non l’ho portato a casa l’altra notte. Ma potevo avvertire comunque una connessione mentale fra noi. Non era un viaggio astrale, né mi sembrava un sogno vivido. Non so cosa fosse, ma mi sentivo molto protetta, al sicuro, anche per via dei pensieri che mi trasmetteva: "Sei al sicuro con me", o "Noi siamo stati insieme altre volte", questo genere di cose.
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
TESEO
Admin
avatar

Numero di messaggi : 577
Data d'iscrizione : 10.08.07

MessaggioTitolo: Re: I RETTILIANI   Dom Nov 18, 2007 11:36 pm

E poi che accadde?

Si trasformò in un essere Rettiliano.

Cosa intendi? Com’era fatto?

Beh, lo identifico così. Era umanoide, era senziente. C’era una grande comunicazione mentale tra noi. In un certo modo era come guardare ad un altro aspetto di me stessa, qualcosa di molto familiare. Il corpo era come quello di un serpente. Se accarezzavi le scaglie nel loro verso, potevi sentirle... dure ma levigate.

Gli occhi com’erano, simili a quelli di un gatto?

Sì. Molto belli, anche se strani. Erano più larghi dei nostri e con riflessi oro, rosso e marrone e la pupilla verticale. Quando si trasformò ebbi uno shock, ma poi decisi di partecipare.
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
TESEO
Admin
avatar

Numero di messaggi : 577
Data d'iscrizione : 10.08.07

MessaggioTitolo: Re: I RETTILIANI   Dom Nov 18, 2007 11:37 pm

Vuoi dire che anche se si era appena trasformato in un rettile, tu hai continuato a fare l’amore con lui?

Esattamente.

L’essere ti ha spiegato il perché della sua trasformazione, quando poteva benissimo continuare ad apparire come un normale uomo?

No. E negli altri incontri non ha cambiato forma. È sempre apparso così com’era, un Rettiliano.

Era sempre lui, la stessa persona?

Non ho visto altri Rettiliani.

Sembra che tu abbia avuto una specie di contatto telepatico con questo essere. Di cosa ti parlava, dei segreti dell’Universo? Diceva di amarti?

Beh, l’amore era espresso, ma principalmente quello che ricordo (anche per via della ipnosi regressiva fatta in seguito) è un tipo di scenario apocalittico a cui mi dovrei preparare.
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
TESEO
Admin
avatar

Numero di messaggi : 577
Data d'iscrizione : 10.08.07

MessaggioTitolo: Re: I RETTILIANI   Dom Nov 18, 2007 11:38 pm

Ti hanno mostrato un futuro apocalittico?

È come ho interpretato la cosa.

Hai mai notato una relazione tra i vari tipi di Alieni (Grigi, Rettiliani, etc.), o questi esseri lavoravano separatamente?

Secondo me, sono separati. Credo ci siano differenti specie che vengono dal passato, presente e futuro, secondo il nostro modo di concepire il tempo. Credo che ci possano essere Rettiliani intelligenti, benevoli ed evoluti spiritualmente, così come credo che ci siano razze guerriere che stuprano e saccheggiano, come qualsiasi forza d’invasione in terra straniera. Voglio sottolineare quanto sia pericoloso cercare di etichettare queste creature. Ho capito che quanto più trovo un rapporto pacifico con queste esperienze, tanto più pacifiche esse sono.
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
TESEO
Admin
avatar

Numero di messaggi : 577
Data d'iscrizione : 10.08.07

MessaggioTitolo: Re: I RETTILIANI   Dom Nov 18, 2007 11:40 pm

Notevole, da parte tua, considerando quello che hai passato. Dammi una riflessione finale.

È incredibile il fatto che tutta la faccenda ti spinge a considerare il tuo sistema di credo. Se e fin quando non faremo questo, non avremo una sola possibilità di avere il tipo di vita che tutti dovrebbero avere, pacifica e con un senso di unità e unicità. La verità non ti verrà mai consegnata a domicilio come un pacco della drogheria. Devi trovare i tuoi ingredienti da solo e farti la tua insalata. Capisci? La gente si sta aprendo, a livello intuitivo tutti capiscono che sta succedendo qualcosa di grande, ed è davvero positivo.
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
TESEO
Admin
avatar

Numero di messaggi : 577
Data d'iscrizione : 10.08.07

MessaggioTitolo: Re: I RETTILIANI   Dom Nov 18, 2007 11:47 pm

Luca Scantamburlo
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
TESEO
Admin
avatar

Numero di messaggi : 577
Data d'iscrizione : 10.08.07

MessaggioTitolo: Re: I RETTILIANI   Dom Nov 18, 2007 11:48 pm

Recenti esperimenti di laboratorio confermerebbero la possibilità di ricavare energia dall'acqua sfruttando reazioni di trasmutazione di elementi chimici.
Antiche tavolette d'argilla mesopotamiche, tradotte da Zecharia Sitchin, attestano la sconcertante conoscenza del Sistema Solare da parte degli Anunnaki, capaci di viaggiare su "Carri Celesti" alimentati ad acqua.
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
TESEO
Admin
avatar

Numero di messaggi : 577
Data d'iscrizione : 10.08.07

MessaggioTitolo: Re: I RETTILIANI   Dom Nov 18, 2007 11:50 pm

Recenti esperimenti di laboratorio confermerebbero la possibilità di ricavare energia dall'acqua sfruttando reazioni di trasmutazione di elementi chimici.
Antiche tavolette d'argilla mesopotamiche, tradotte da Zecharia Sitchin, attestano la sconcertante conoscenza del Sistema Solare da parte degli Anunnaki, capaci di viaggiare su "Carri Celesti" alimentati ad acqua.

In questo nostro servizio ci soffermeremo su alcuni dati e riflessioni che emergono dagli studi dell'orientalista russo Zecharia Sitchin, uno storico e linguista che dal 1976 sta scuotendo dalle fondamenta sia il tempio della scienza sia quello della storia umana, entrambi luogo di culto dell'Establishment.
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
TESEO
Admin
avatar

Numero di messaggi : 577
Data d'iscrizione : 10.08.07

MessaggioTitolo: Re: I RETTILIANI   Dom Nov 18, 2007 11:52 pm

Non soltanto gli antichi mesopotamici (Sumeri prima, ed Assiri e Babilonesi poi) conoscevano il moto della Terra attorno al Sole ed inventarono lo Zodiaco, ma conoscevano anche con dovizia di particolari la composizione del Sistema Solare sino al più esterno pianeta Plutone, ultimamente (e nell'opinione di chi scrive un po' troppo frettolosamente) declassato dal rango astronomico di "pianeta" a quello di "pianeta nano
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
TESEO
Admin
avatar

Numero di messaggi : 577
Data d'iscrizione : 10.08.07

MessaggioTitolo: Re: I RETTILIANI   Dom Nov 18, 2007 11:53 pm

Il sigillo accadico catalogato VA/243 (risalente al 2400 a.C.) e conservato presso il Vorderasiatische Abteilung der Staatlichen Museen a Berlino ne è la prova tangibile ed irrefutabile, in quanto testimonia la conoscenza degli antichi Sumeri ed Accadi del Sistema Solare secondo la concezione eliocentrica, quando naturalmente tale prova archeologica venga posta nel contesto letterario di allora ricco di espliciti riferimenti in proposito. Sigillo accadico ampiamente discusso da Zecharia Sitchin e, ancor prima di lui seppur brevemente, dall'astrofisico americano Carl Edward Sagan (New York, 1934 - Seattle, 1996) nel suo celebre saggio "lntelligent Life in the Universe", scritto in collaborazione con l'astrofisico sovietico J.Š. Šklovskij (Holden-Day lnc., 1966, USA).
Davvero stupefacente se ricordiamo che la cultura europea dovette aspettare, per l'affermarsi della teoria eliocentrica, l'arrivo del "De Revolutionibus orbium coelestium" di Nikolaj Kopemik (Thorn 1473 - Frauenburg, attuale Frombork 1543), contro cui si scagliò l'intransigente cardinale e dottore della Chiesa Roberto Bellarmino (Montepulciano, 1542 - Roma, 1621). Il testo dell'astronomo e canonico polacco, italianizzato in Copernico, fu terminato in forma manoscritta nel 1530 e stampato da un tipografo luterano soltanto nel 1543.
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
TESEO
Admin
avatar

Numero di messaggi : 577
Data d'iscrizione : 10.08.07

MessaggioTitolo: Re: I RETTILIANI   Dom Nov 18, 2007 11:54 pm

Celebre la prefazione anonima (attribuita poi ad Andreas Osiander) nella quale si sosteneva che la teoria copernicana non descriveva la reale struttura dell'universo conosciuto allora, ma costituiva soltanto un'ipotesi matematica atta a facilitare i calcoli astronomici.
Naturalmente una tale prefazione serviva ad evitare una condanna dell'eliocentrismo da parte della Chiesa luterana.
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
TESEO
Admin
avatar

Numero di messaggi : 577
Data d'iscrizione : 10.08.07

MessaggioTitolo: Re: I RETTILIANI   Dom Nov 18, 2007 11:55 pm

Il libro perduto del Dio Enki
Ora, fra i vari libri dati alle stampe dallo. storico orientalista Zecharia Sitchin il più intrigante e complesso è senza dubbio "The Lost Book of Enki" (apparso negli Stati Uniti nel 2002 ed edito in Italia nel 2004 dalla Piemme con il titolo "Il libro perduto del dio Enki",. sottotitolo: "Le memorie e le profezie di un viaggiatore extraterrestre ricostruite da antichissime tavolette sumere e accadiche"); unico testo di Sitchin a non costituire un saggio ma una mera traduzione di antichi libri in sumero ed in lingue semitiche.
Nell'introduzione al testo si spiega come esso sia costituito dalla traduzione di antiche tavolette d'argilla sumere ed accadiche rinvenute in Mesopotamia (l'attuale Iraq): per lo più antiche raccolte quali l'"Enuma Elish", l'"Atra Hasis", l'"Epica di Gilgamesh", ed altre ancora, tutte copie o rielaborazioni di tavolette ancora più antiche. Tutti i resoconti storici ivi contenuti, un "materiale disperso e frammentario" 2 sono stati raccolti per la prima volta da Sitchin. In tale libro, che descrive gli avvenimenti attraverso il racconto in prima persona del dio Enki (extraterrestre proveniente dal pianeta Nibiru, il pianeta X ricercato dagli astronomi moderni considerando ancora Plutone il nono pianeta del Sistema Solare), si comincia dalle motivazioni che spinsero gli Anunnaki ("Coloro che dal cielo scesero sulla Terra") a lasciare il proprio pianeta in cerca dell'oro sino all'approdo sulla Terra, dove essi iniziarono un'attività di estrazione mineraria e poi manipolarono geneticamente gli ominidi incontrati (dando vita all'"homo sapiens sapiens", il quale fu da loro civilizzato in un secondo momento.
In questa sede ci concentreremo soltanto su pochi punti del libro, in particolare sulla descrizione del Sistema Solare lasciata in eredità allo scriba Endubsar, servitore di Enki che redasse su tavolette di pietra con uno speciale stilo le parole del suo dio, dando così vita al "Libro perduto di Enki".
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
TESEO
Admin
avatar

Numero di messaggi : 577
Data d'iscrizione : 10.08.07

MessaggioTitolo: Re: I RETTILIANI   Dom Nov 18, 2007 11:56 pm

Il Sistema Solare esplorato dal'esterno: il viaggio interplanetario degli Anunnaki
Il primo abitante di Nibiru a lasciare il proprio pianeta è Alalu (l'antico scritto dice inoltre ch'egli è ricordato su Marte da una "grande montagna rocciosa" che sorge sulla "pianura" e scolpita "con i raggi" 3 - forse proprio il monumentale ed enigmatico volto che si trova sulla piana di Cydonia e fotografato per la prima volta da un orbiter Viking della NASA, nel 1976).
Ma come potrebbe sostenersi la vita su Nibiru, pianeta transnettuniano orbitante come una cometa attorno al Sole ed avente un periodo orbitale di circa 3600 anni? Leggiamo direttamente il testo di Sitchin secondo le parole del dio Enki:
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
TESEO
Admin
avatar

Numero di messaggi : 577
Data d'iscrizione : 10.08.07

MessaggioTitolo: Re: I RETTILIANI   Lun Nov 19, 2007 12:09 am

parole del dio Enki:

Vita su Nibiru
"Un grande pianeta,
[...]
Una densa atmosfera avvolge Nibiru,
costantemente alimentata da eruzioni vulcaniche.
Questa atmosfera sostiene tutte le forme di vita;
[...]
Nel periodo freddo avvolge il pianeta
con il calore interno di Nibiru,
come una coltre calda costantemente rinnovata.
Nel periodo caldo protegge Nibiru dai raggi ardenti del Sole.
Nelle stagioni intermedie trattiene e libera la pioggia,
dando vita a laghi e fiumi.
La nostra atmosfera alimenta e protegge una rigogliosa vegetazione;
[...]" 4

Proprio un presunto planetoide avvolto da una densa atmosfera è visibile nel filmato all'infrarosso classificato "Secretum Omega" e passato nel 2001 a Cristoforo Barbato da un insider del Vaticano. Ed un altro planetoide (lo stesso del filmato?) avvolto da una densa atmosfera è oggetto di due foto rilasciate nel 1999 da una fonte anonima ad Adriano Forgione, (foto pubblicate tre volte negli anni scorsi in Italia ed ora curiosamente sparite dall'unico sito Internet che le offriva in visione). Inoltre sarebbe interessante capire se tali immagini sono state catturate dalla stessa presunta sonda interplanetaria (Siloe) di cui parla Barbato o da un'altra sonda inviata precedentemente
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
TESEO
Admin
avatar

Numero di messaggi : 577
Data d'iscrizione : 10.08.07

MessaggioTitolo: Re: I RETTILIANI   Lun Nov 19, 2007 12:11 am

Plutone, Urano, Nettuno e Marte secondo i Sumeri
Andando avanti nella lettura del testo e nella descrizione del Sistema Solare, seguiamo il viaggio interplanetario dell'intrepido sovrano Alalu in fuga da Nibiru a bordo di "una nave celeste" dopo essere stato deposto dai suoi sudditi: incontriamo sorprendentemente Plutone ("il piccolo Gaga, colui che indica il cammino"), Nettuno

("Ben presto la celestiale Antu,
[...]
occhieggiò nella profonda oscurità.
Il suo colore era blu come acqua pura cristallina;
lei era l'inizio del Mare superiore.")

ed Urano

("In lontananza lo sposo di Antu iniziò a brillare,
di pari grandezza di Antu per dimensione.
An si distingueva, come compagno della sposa, per un colore blu-verdastro"). 5

Successivamente cinquanta cosmonauti Nibiruani (i cosiddetti "Anunnaki") partono alla volta della Terra per raggiungere Alalu, che ha irradiato la notizia a Nibiru della scoperta dell'oro in grado di salvare l'atmosfera del loro pianeta, in via di rarefazione. Nel corso di questo secondo viaggio interplanetario descritto nel testo si ha una pregnante e sbalorditiva informazione planetologica sul pianeta An (corrispondente al nostro Urano): "Il carro continuò verso il celeste An, il terzo contando i pianeti" (naturalmente si fa riferimento a partire dall'esterno del Sistema Solare, in quanto Nibiru orbita come una cometa a lungo periodo) "An giaceva su un fianco".
Quest'ultimo dato indica quasi certamente un'anomalia dell'asse orbitale del pianeta rispetto all'eclittica, ed anche rispetto alla maggior parte degli assi orbitali degli altri pianeti del Sistema Solare. In proposito anticipiamo brevemente quello che discuteremo in seguito: l'astronomia moderna ha scoperto che l'asse di rotazione di Urano è così inclinato sul pianto dell'eclittica (il piano immaginario dove giace l'orbita terrestre) che quello che dovrebbe essere il suo polo nord vi si trova al di sotto. Ricordiamo inoltre che per designare Nettuno oltre al termine Antu (sposa di Anu) i Sumeri usavano anche Ea, che deriva da E.ANNA ("casa di An").
Altrettanto stupefacente la descrizione di Lahmu (il nostro Marte):
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
TESEO
Admin
avatar

Numero di messaggi : 577
Data d'iscrizione : 10.08.07

MessaggioTitolo: Re: I RETTILIANI   Lun Nov 19, 2007 12:12 am

"Lahmu era bello da guardare,
era di diversi colori; il suo copricapo era bianco come la neve, così pure i suoi sandali." 6

Metafore efficacissime che persino un poeta di oggi apprezzerebbe nel descrivere in versi l'incantevole visione del Pianeta Rosso, ammirabile in tutta la sua bellezza, per esempio, in un'immagine catturata dal telescopio spaziale Hubble.
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: I RETTILIANI   

Tornare in alto Andare in basso
 
I RETTILIANI
Tornare in alto 
Pagina 1 di 3Vai alla pagina : 1, 2, 3  Seguente

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
THE KNIGHTS :: THE KNIGHTS FORUM :: Kosmos-
Andare verso: